Il Manifesto delle Case

A partire da maggio 2012 il processo di effettiva costituzione del coordinamento della Rete delle Case del Quartiere è stato accellerato da un invito della Città di Torino e della Compagnia di San Paolo ai soggetti gestori delle Case a riunirsi intorno ad un tavolo con il proposito di coordinare le attività delle varie Case, dalla successiva partecipazione al bando culturale nazionale  “Che fare2” e, infine, la vincita del primo premio nel 2014 con il Progetto “Di casa in casa”.

Il coordinamento della Rete ha fin da subito voluto far emergere le seguenti esigenze ed utilità:

– Prima fra tutti l’esigenza di dar vita alla Rete delle Case del Quartiere, in modo che questa esperienza possa crescere e consolidarsi nel tempo attraverso un progetto condiviso fra le Case, riconosciuto e sostenuto dalle istituzioni pubbliche, apprezzato e partecipato da cittadini, gruppi e associazioni della Città.

– La volontà di coniugare l’obiettivo di sviluppare tra le case finalità, contenuti e metodologie comuni che ne caratterizzino la loro azione, preservando la loro autonomia e le peculiarità che derivano dalla storia e dai territori, in una prospettiva di crescita e valorizzazione delle esperienze.

– La  capacità di sviluppare, rappresentare e garantire il profilo descritto dalle Case e di svolgere una funzione di “service” accompagnando ogni singola Casa a svilupparsi, per qualificare i progetti, sviluppare le competenze e affrontare le criticità.

– L’attenzione a non porre dei parametri quantitativi e qualitativi  che possano precludere la partecipazione delle Case alla Rete, visto l’attuate divario fra le case in termini di esperienza, di spazi, di personale, di risorse economiche. Piuttosto sarà promossa l’effettiva volontà di ogni singola Casa di darsi una strategia di sviluppo, dandosi una comune linea d’azione e di rigorosa auto-valutazione.

La prima fase è stata dedicata al confronto fra le esperienze e alla condivisione di contenuti e di metodologie, che hanno portato alla stesura del Manifesto delle Case di Quartiere.
Un documento che raccoglie in dieci punti gli elementi che caratterizzano questi nuovi spazi nella città, riaffermando l’importanza di pratiche sociali e culturali consolidate, ma soprattutto evidenziando quegli aspetti d’innovazione che le rendono caratteristiche ed uniche nel ricco panorama delle offerte culturali che la città di Torino offre.

Un Manifesto che racconta il presente e nello stesso tempo le prospettive per il futuro, un utile strumento di lavoro, che consente alle Case di confrontarsi internamente con quello che hanno realizzato fino ad oggi e di tracciare un percorso per crescere e svilupparsi negli anni futuri.

Un Manifesto rivolto alle Amministrazioni Pubbliche, agli Enti ed Istituzioni Culturali per comprendere maggiormente il ruolo e l’utilità sociale delle Case, per contribuire ad una politica culturale per la Città dove i cittadini sono protagonisti dell’agire sociale e i quartieri sono la risorsa territoriale di riferimento.

Un Manifesto per cittadini, gruppi, associazioni; per renderli maggiormente consapevoli delle opportunità che le Case del Quartiere offrono al desiderio/bisogno/interesse di protagonismo e di partecipazione alla vita sociale e culturale della propria città.

Scarica QUI il Manifesto delle Case del Quartiere.

10Punti-manifesto